Biografia

Fabio Quagliarella nasce il 31 Gennaio 1983 a Castellammare di Stabia, in Provincia di Napoli, terra natia di grandi campioni dello sport e porta d’ingresso della splendida costiera sorrentina.
Fabio QuagliarellaSi può affermare, con tutta tranquillità, che il suo primo amico del cuore sia stato il “Super Santos”, simbolo del calcio giocato nei cortili e pietra angolare dei sogni di tanti ragazzini che ambiscono a diventare giocatori di calcio. Si può anche affermare che, per Fabio Quagliarella, il sogno cominci a realizzarsi nel lontano 1988, quando, alla tenera età di 5 anni, fu notato dal Sig. CIRO BENVENUTO che, dopo averlo visto calciare nel cortile di casa sua, credette in quel bimbo e decise di portarlo a giocare nella squadra del quartiere, la S.S. Annunziatella. Il Sig. Benvenuto dirà di lui: "Riusciva già a calciare di collo pieno tenendo il pallone raso terra”. Nel 1990 arriva la prima occasione, la S.S. Annunziatella si incontra con la prima classificata del campionato regionale pulcini, la Pro Juventude è un vero derby; ambedue le squadre, infatti, giocano sul campo Spinelli di Castellamare di Stabia. Alla fine del primo tempo la S.S. Annunziatella perde con un parziale di 3 a 0; Benvenuto decide di lanciare in campo Fabio Quagliarella, il più piccolo tra i suoi, ha solo 8 anni contro una media di 11 anni degli altri giocatori è la svolta della partita, Fabio segna una tripletta e porta la squadra della S.S. Annunziatella a vincere la partita con il risultato finale di 5 a 3. La sua prestazione convince i dirigenti della Pro Juventude a puntare sul giovanissimo Quagliarella e il passaggio nel 1991 alla squadra è cosa fatta; Fabio passa alla Pro Juventude dove trova un nuovo Mister, Dante Portelli, che lo seguirà personalmente negli anni a seguire, anche quando lascerà la squadra.

Nel 1992, durante una gara della categoria pulcini, Aniello Bardella, dirigente della Junior Gragnano, vede Fabio giocare e rimane particolarmente attratto dalla bravura di quel ragazzino, tanto che, a fine stagione, nel Giugno del 1993, fa sì che Fabio si trasferisca alla Junior Gragnano.Fabio QuagliarellaIl campo del Gragnano si trova a qualche chilometro dalla casa del giovane Quagliarella, ma papà Vittorio è ben felice di portarlo tutti i giorni ad allenarsi. Nel primo anno allo Junior Gragnano Fabio gioca così bene che, alla sola età di 10 anni, vince il premio come miglior giocatore di categoria della Regione Campania, venendo soprannominato dagli addetti al settore come il “Pelè Bianco”. Gli anni passati a Gragnano sono ricchi di grandi soddisfazioni: Fabio fa registrare una media goal strabiliante, circa 50 goal a stagione, che lo porta a conquistare, nel 1995, il “Pallone d’oro” come miglior giocatore della Campania.

Fabio QuagliarellaNel giro di pochi anni Fabio è diventato l’oggetto del desiderio di molte squadre italiane: Parma lo richiede per un provino, poi è il turno della Juventus e del Vicenza; proprio quando è a Vicenza arriva una nuova significativa svolta: Gaetano Musella, ex attaccante del Napoli degli anni ’80, comunica alla famiglia Quagliarella che vi è un concreto interesse del Torino per Fabio. Una settimana dopo aver sostenuto i provini per la squadra granata arriva il sì dei dirigenti: il 03 Luglio del 1997, all’età di 14 anni, Fabio è un giocatore del Torino.

 

OFFICIAL
 

Bookmaker review site http://wbetting.co.uk/ for William Hill